Cavolo nero: l'ortaggio dell'Autunno

Il cavolo nero o riccio, conosciuto anche con il termine inglese “kale”,

è un ortaggio a foglia verde scura, di consistenza croccante, dal sapore deciso, che fa parte della famiglia delle Brassicacee, insieme a broccoli e altri tipi di cavoli.

cavoloriccio.jpg

Questo ortaggio arricchisce la stagione autunnale di preziosi nutrienti che possono aiutarti a preparare e rinforzare il tuo sistema immunitario alla stagione fredda.

Molto conosciuto per essere uno degli ingredienti principe della famosa “ribollita” toscana, è delizioso non solo consumato in calde zuppe miste, ma anche al forno ed essiccato, da sgranocchiare sottoforma di gustose chips salutari.

Quali sono i motivi per cui il cavolo riccio fa così bene?

Vediamo insieme quali sono le sue caratteristiche nutrizionali più importanti per la salute:

  • è uno degli alimenti più ricchi di antiossidanti: di conseguenza ti aiuta a bloccare lo stress ossidativo e quindi l’infiammazione e l’invecchiamento precoce, protegge il sistema immunitario e sostiene il fegato ad eliminare le sostanze tossiche.

    Ti ricordo che i radicali liberi, molecole dannose per il dna, le proteine e le membrane cellulari, sono la principale causa di danno cellulare, madre delle patologie degenerative, come Alzheimer, diabete mellito, artriti e artrosi, malattie cardiovascolari, disturbi della memoria e del sistema nervoso, invecchiamento precoce della pelle, cataratta…ecco i principali antiossidanti contenuti:

    - glucorafanina, uno degli antiossidanti glucosinolati cardine del cavolo nero, può inibire la proliferazione delle cellule cancerose, creando uno scudo di difesa ai danni del DNA cellulare.

    - flavonoidi: alcuni degli antiossidanti più importanti e potenti

    - vitamina C: antiossidante necessario anche per la sintesi del collagene, aiuta a mantenere elastiche le articolazioni ed il tessuto connettivo; favorisce l’assorbimento del ferro vegetale, di cui è ricco il cavolo nero.

    Ma continuiamo con la carrellata di nutrienti benefici del cavolo nero:

  • Vitamina K: vitamina liposolubile necessaria per la coagulazione del sangue e per la salute delle ossa, in sinergia con la vitamina D e con il calcio contenuto in buona quantità nelle foglie verdi. Se sei una donna in menopausa non dovresti mai farti mancare il cavolo nero a tavola

  • Zolfo: minerale che aiuta a proteggere la pelle da infiammazioni come l’eczema, antinfiammatorio per l’apparato muscolo-scheletrico. Molto utile in caso di fibromialgie, mialgie reumatiche, dolori muscolari dopo sforzo fisico o sport

  • ricco di fibre, aiuta la salute dell’intestino e protegge dai picchi di glicemia. Si rivela un toccasana in caso di diabete e di ipercolesterolemia, poichè abbassa anche l’assorbimento di colesterolo nell’intestino

  • e’ ricchissimo di clorofilla pertanto svolge un importante effetto depurativo in particolare per il fegato e migliora l’ossigenazione del sangue

  • rinforza il sistema immunitario e protegge la pelle grazie alla ricchezza in vitamina A, la vitamina protettrice degli epiteli.

Ci sono dei modi migliori per cucinare il kale o cavolo nero?

padella-olio.jpg

Sicuramente, una cottura leggera, a temperatura media e non troppo prolungata, come per tutti gli ortaggi, è la migliore per preservare il maggior quantitativo possibile di vitamine ed antiossidanti. Ad esempio puoi saltare il kale in padella con un filo di olio e poi lasciarlo ammorbidire a fiamma bassa con coperchio, aggiungendo poca acqua ed insaporendo con spezie virtuose come curcuma, timo, origano, zenzero (kale con zenzero è eccezionale a mio avviso!!).

Se vuoi salvare completamente minerali e vitamine, buonissimo il kale consumato come succo, adoperando un estrattore, mescolato ad esempio con mele, pere e limone: a me piace riscaldare giusto un attimo i succhi durante la stagione fredda e miscelarli con spezie ad effetto riscaldante, come lo zenzero.

Un’altra idea è quella di frullare le foglie scottate per un delizioso pesto con cui condire la pasta: puoi aggiungere pinoli, mandorle, noci a tuo piacimento…anche in questo caso la fantasia non ha limiti!

E poi con l’essiccatore è possibile, come ti dicevo, creare dei deliziosi e croccanti snacks di cavolo nero! Basta aromatizzare le foglie prima di metterle in essiccatore e poi lasciarle ad essiccare a 42 gradi per il tempo necessario.

Queste chips sono buonissime e possono sostituire le patatine fritte in sacchetto…con netto guadagno per la salute!

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un like e condividi! Grazie mille :)