Semi di Chia: un'inaspettata fonte di benessere

semi-chia.jpg

Solo dal 2009 i semi di Chia sono stati ammessi in Italia nell'elenco degli alimenti, ragion per cui sono ancora poco conosciuti ed utilizzati. Ma da dove provengono questi minuscoli semini neri? E quali sono le loro virtù nascoste?

La Chia, o Salvia Hispanica, è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, di cui fa parte anche la menta. Proveniente dalle terre dell'America centrale, era alla base dell'alimentazione delle antiche popolazioni Azteche, che si narra traessero grande forza e sostegno da questi semi durante le loro battaglie.

I semi di Chia, infatti, possono essere considerati dei superfoods (vedi qui cosa ti spiego in merito ai superfoods), essendo un concentrato di sostanze benefiche.

100 g di semi di Chia contengono circa 16,5% di proteine, 30,7% di grassi, 34,4% di fibre, 4,5% di ceneri e 5% di acqua. Il minerale più rappresentato è il calcio (ben 600 mg di calcio/100 g), ma anche ferro, magnesio, potassio e fosforo sono ben rappresentati. 

I semi di Chia sono una fonte importante di omega 3 vegetali (ben 20 g/100 g), svolgendo una potente azione antinfiammatoria al pari dei semi di lino. Contengono buone quantità di vitamine B1, B2, B3 e C, oltre a moltissimi altri antiossidanti. Inoltre sono ben rappresentati importanti aminoacidi essenziali, come metionina e lisina.

Ma l'azione forse più importante della Chia è quella metabolica, grazie alla ricchezza in fibre idrosolubili e alla capacità di questi semini di formare un gel quando messi a bagno in acqua o latte vegetale,  rigonfiandosi notevolmente e rilasciando una mucillagine nel liquido di ammollo utilizzato, in modo del tutto simile ai semi di lino. Basta metterne a bagno 1 cucchiaio in poco liquido per almeno 8 ore.

In questo modo si ottiene una sorta di budino (il classico "Pudding") che può essere gustato così com'è o aggiunto in gelati crudisti, frullati e milkshakes, donandogli consistenza e densità.

 gelato crudista alla frutta e semi di Chia

gelato crudista alla frutta e semi di Chia

Assumere i semini di Chia insieme al loro gel nella dose di 1-2 cucchiai massimo al giorno aiuta a ridurre l'assorbimento di grassi e colesterolo, modula i picchi glicemici, aumenta il senso di sazietà e facilita l'evacuazione, svolgendo un blando effetto lassativo, quindi si rivela molto utile anche in caso di stitichezza.

100 g di semi di Chia contengono 490 kcal. E' consigliabile non eccedere quindi con le quantità essendo comunque molto calorici.