I benefici documentati della meditazione

I benefici della meditazione sono sempre più riconosciuti dalla comunità scientifica: trascorrere anche pochi minuti al giorno praticando semplici esercizi di meditazione, infatti, si è visto incidere in maniere profonda sulla regolazione di ormoni e neurotrasmettitori, messaggeri della rete PNEI all'interno dell'organismo.

Ecco alcuni benefici riconosciuti alle pratiche meditative:

- aumento dei livelli di serotonina, principale neurotrasmettitore antidepressivo

- aumento dei livelli di dopamina ed endorfine, neurotrasmettitori del piacere e del benessere

- regolazione dei livelli di melatonina, ormone fondamentale per l'equilibrio del ritmo sonno-veglia, a cui sono oggi attribuite molte altre funzioni: anti-age, antiossidante, anti-cancro e anti-virale

- diminuzione dei livelli di adrenalina e noradrenalina, responsabili dell'attivazione dei sistemi dello stress e di sintomi quali ansia, tachicardia, ipertensione arteriosa, insonnia, se cronicamente in eccesso.

- miglioramento della concentrazione mentale e dell'attentività

- minore fabbisogno di sonno notturno

- aumento del senso di calma interiore

Esistono molti tipi di meditazione:

- seduti (nella posizione del loto o su una sedia, l'importante è tenere la schiena dritta) e fermi ad occhi chiusi, durante le quali si è soliti effettuare delle visualizzazioni, o ripetere dei mantra, o concentrarsi sul respiro, su alcune parti del corpo...

- meditazioni più dinamiche, da effettuarsi in piedi, o camminando, come ad esempio la camminata meditativa di Ticht Nat Han, o le meditazioni di Osho, Vipassana, solo per citarne alcune.

Ognuno deve provare il tipo di meditazione che sente più adatta per se stesso o che gli viene più semplice. L'importante è cominciare ed avere una certa costanza; bastano anche solo 5-10 minuti al giorno inizialmente, possibilmente al mattino presto appena svegli o la sera prima di dormire.

Qual è la mia meditazione preferita? Quella centrata sul cuore! Il Centro del cuore, dal punto di vista energetico e PNEI, rappresenta infatti la sede della coscienza del sé, della consapevolezza, dell'amore di se stessi e del mondo.

Aprire il cuore con la meditazione risveglia gli ormoni della gioia e dell'affettività, dopamina, prolattina, ossitocina, serotonina...ci fa sentire vivi, amabili ed amorevoli... tutto scorre quando l'energia del cuore è forte e l'immunità si potenzia notevolmente (non a caso il timo, organo immunitario per eccellenza, si trova come una colata a livello del cuore, nel mediastino).

Chiudi gli occhi, concentrati sul respiro, sull'aria che entra ed esce dalle tue narici e visualizza una forte luce dorata che ad ogni tuo inspirio arriva fino al centro del cuore, immaginando che ad ogni espirio aria grigia e pesante ed ogni emozione negativa abbandonino il tuo cuore.

Pratica con costanza questo esercizio e sentirai presto notevoli benefici!

Rimandando ad altre sedi ogni ulteriore approfondimento sulle moltissime tecniche meditative esistenti, questo articolo vuole incoraggiarti ad avvicinarti alla meditazione perché rappresenta uno strumento semplice e a costo zero per migliorare il tuo benessere psico-fisico.

Alla prossima!