Autunno: tempo di zuppe

Tempo di Autunno, tempo di zuppe...cosa c'è di meglio che tornare a casa infreddoliti e trovare una buona zuppa calda a ritemprarci?

Si ma, cosa ci metto nella zuppa? In genere il concetto di zuppa è associato a scarso sapore.

La zuppa invece può trasformarsi in un vero e proprio toccasana oltre che un piatto gustoso, se seguiamo alcuni semplici passi:

1) Utilizzare sempre prodotti di stagione.

Se la natura in una determinata stagione ci regala alcuni vegetali, evidentemente essi racchiudono dei principi nutritivi necessari per il periodo. Inoltre possiamo essere sicuri di trovarci dentro molti meno pesticidi perchè non saranno necessari per far crescere gli ortaggi in una stagione che non è la loro.

Nella stagione autunnale ad esempio possiamo trovare: bietole, broccoli, cavolfiori, cavolo nero, cavolo cappuccio, verze, finocchi, indivia, pastinaca, patate dolci, porri, radicchio, zucca, patate dolci, topinambur.  

Il topinambur è un tubero che oggi si sta riscoprendo, tradizionalmente consumato al posto delle patate. E' caratterizzato da un ridotto quantitativo di amido mentre abbonda in inulina, una fibra solubile che aiuta a ridurre l'assorbimento di grassi e zuccheri nell'intestino, molto utile nei soggetti con problemi metabolici pertanto. 

2) Utilizzare spezie per dare sapore.

Molte spezie, purtroppo poco usate in tavola, possono contribuire a dare un sapore caratteristico alla tua zuppa, oltre che arricchirla di proprietà salutistiche particolari.

Ad esempio lo zenzero, grattugiato finemente a crudo, conferisce un sapore intenso molto simile al peperoncino e vanta numerose proprietà benefiche: è un potente antireumatico, riscalda e tonifica; protegge la mucosa dello stomaco in caso di eccessiva acidità ed infiammazione. 

3) Aggiungere alla zuppa una fonte di carboidrati e proteine, in modo da completarne il profilo nutrizionale.

Non esistono soltanto riso brillato e pastina per le zuppe. Possiamo arricchirle con pseudocereali privi di glutine e buona fonte di proteine, come la quinoa o il grano saraceno e utilizzare cereali integrali per aumentare la quantità di fibra e minerali.

Possiamo anche metterci dentro una buona fonte di proteine sottoforma di legumi, per esempio le cicerchie, un legume di antica tradizione dal sapore molto gustoso, oppure qualche cucchiaio di hummus di ceci, che darà alla zuppa una consistenza cremosa.

Spero di avervi convinto a cucinare più spesso delle buone zuppe  e, sopratutto, non la solita minestra!